Salute degli occhi: come scegliere gli occhiali da sole migliori

bel ragazzo con capelli ricci biondi indossa occhiali da sole neri con lenti scure occhiali italiani

Salute degli occhi e occhiali da sole LOOX

In un celebre brano musicale italiano firmato da Fabrizio De André, si canta di occhi “specchi di un’avventura”. È solo uno dei bellissimi e infiniti modi con cui è possibile definire questi preziosi organi.
Ti capita mai di pensare a quanto sono importanti gli occhi e al fatto che ci permettono di archiviare nella memoria immagini precise legate ai fantastiliardi di milioni di esperienze di una intera vita?
Gli occhi sono organi delicati, preda di mille insidie. Come veri avventurieri, appunto.
All’aperto, poi, la protezione degli occhi è una priorità assoluta.

L’esposizione prolungata alla luce solare senza una corretta protezione può causare disturbi oculari di varia entità, temporanei o permanenti.
Ci sono vari modi, molto semplici, per preservare e migliorare la salute degli occhi.
Una corretta e mirata alimentazione, per esempio. E perfino una speciale ginnastica. Ma è fondamentale anche saper scegliere gli occhiali da sole migliori, per favorire il benessere della vista e il mantenimento di occhi belli e sani.

Nello shop LOOX o in negozio, a Milano, puoi scegliere la montatura di occhiali LOOX che ti piace e le lenti da abbinare. Infatti, ricorda: tutte le lenti premontate sugli occhiali LOOX in vendita sono prive di gradazione.
Per questo, è bene che tu abbia a disposizione i dati giusti per quel che riguarda le caratteristche delle lenti per occhiali da sole da abbinare agli occhiali che hai deciso di acquistare.
Hai voglia di saperne di più?
Ovviamente, è bene che tu riceva le informazioni più complete ed esaustive dal tuo medico oculista di fiducia. Una visita periodica dall’oftalmologo è il primo passo efficace, per favorire una buona qualità della vista.
A questo proposito, il Ministero della Salute italiano consiglia: una visita alla nascita, entro i 3 anni; a 12 anni; una volta ogni due anni, dopo i 40 anni; una volta all’anno, per le persone oltre i 60 anni.
Intanto, qui, inizio a introdurre l’argomento.

Salute degli occhi: perché è importante proteggerla?

Evito di girarci troppo intorno: la salute degli occhi è fondamentale, per mantenere una sfavillante qualità della vita.
Troppo spesso, la buona qualità della vista è un dono che si dà per scontato e che si tende ad apprezzare quando inizia a venire meno, vuoi per motivi di età (l’incidenza delle malattie oculari tende ad aumentare dopo i 50 anni), vuoi per il sopraggiungere improvviso di problemi e patologie che compromettono la bontà della visione.

Non voglio allarmarti troppo. Però, devi essere consapevole che, ogni giorno, gli occhi sono esposti a tanti fattori esterni che ne mettono a rischio la salute.
In ordine sparso, i principali nemici che, in ambiente esterno e interno, minano la salute degli occhi sono:
1. i raggi UV;
2. la luce blu;
3. l’inquinamento atmosferico.

Vedi? Sono antagonisti insidiosi e perlopiù invisibili, che agiscono ovunque. Anche quando guardi la tua serie tv preferita, mentre la storia scorre sullo schermo della tv.
Battute a parte, capisci che è molto importante adottare le giuste misure preventive, per preservare la salute degli occhi, nonostante il trascorrere del tempo.
Non è difficile contribuire al benessere della vista, se sai come farlo.

Cosa fa il sole agli occhi? Cosa sono i raggi UV?

I raggi ultravioletti, che conosciamo come raggi UV, sono emissioni solari, insieme a luce visibile e calore. Il sole è di gran lunga la fonte più potente di radiazioni ultraviolette.
Tutte le persone sono esposte naturalmente ai raggi UV del sole. Inoltre, un numero crescente di persone è esposto a fonti di radiazioni artificiali usate nell’industria, nell’ambito del commercio e durante il tempo libero.
Proprio come la luce visibile è composta da vari colori – che diventano evidenti quando si forma un arcobaleno -, lo spettro della radiazione UV è diviso in tre regioni, distinte in base alla lunghezza d’onda dei raggi:
– UVA (fra 315 e 400 nanometri. Il nanometro è l’unità di misura della radiazione);
– UVB (280-315 nm);
– UVC (100-280 nm).
Quando la luce solare attraversa l’atmosfera, tutti gli UVC e la maggior parte degli UVB vengono assorbiti da ozono, vapore acqueo, ossigeno e anidride carbonica. Invece, i raggi UVA non vengono filtrati in modo significativo dall’atmosfera.

In generale, oltre che malattie di natura dermatologica, l’esposizione senza protezione ai raggi ultravioletti può favorire l’insorgenza di varie patologie oculari, come cataratta corticale e pterigio.
Questi disturbi possono limitare la capacità visiva e, in alcuni casi, possono generare conseguenze gravi.

Come scegliere gli occhiali da sole migliori

I migliori occhiali da sole devono coniugare almeno tre aspetti: design conforme ai tuoi gusti, capace di esaltare la tua personalità e il tuo abbigliamento; funzionalità e durevolezza; adeguata protezione dai raggi UV.
Devi pensare che i tuoi occhiali da sole non sono un semplice accessorio. Piuttosto, devi considerarli un dispositivo di protezione individuale – come ha stabilito anche l’Unione Europea, nel 2022! -, da indossare per proteggere gli occhi dai rischi delle radiazioni solari.
In particolare, la difesa degli occhi dai raggi ultravioletti si basa sulle caratteristiche delle lenti montate sugli occhiali da sole.
Approfondiamo, ti va?

Filtri UV e categorie di protezione degli occhiali da sole

La capacità degli occhiali da sole di proteggere gli occhi dai raggi UV dipende da due fattori:
1. la qualità delle lenti montate;
2. la categoria di protezione.

Associati alle lenti (che devono recare la corretta marcatura CE, a garanzia della conformità alla normativa in materia di sicurezza), puoi trovare alcuni codici e dati alfanumerici che definiscono proprio queste caratteristiche del prodotto.
Accanto alla sigla UV, puoi notare un numero espresso in centinaia: si riferisce alla lunghezza d’onda massima che le lenti sono in grado di schermare.
Così, gli occhiali da sole con lenti UV400 in perfette condizioni sono quelli che garantiscono la migliore protezione dai raggi UV.
Un altro dato che puoi trovare nella descrizione delle lenti per occhiali da sole indica la categoria.
Le categorie delle lenti da sole si riferiscono al grado di oscuramento delle lenti e, anche nel caso di lenti colorate, vanno da 0 a 4. In questo senso, la categoria 4 offre la massima protezione dalle radiazioni UV. Però, tieni presente che non è adatta alla guida, perché le lenti di questo tipo sono troppo scure e rischiano di alterare la percezione di distanze ed eventuali ostacoli.

Materiali e tipo di lenti da sole

Un altro fattore importante da prendere in considerazione è il materiale con cui sono realizzate le lenti degli occhiali da sole.
I materiali più comuni sono il policarbonato, il polimero CR-39 e il vetro.

Anche le tecniche di lavorazione delle lenti da sole influiscono sulle prestazioni degli occhiali e sulla capacità di proteggere la salute della vista.
Per esempio, le lenti polarizzate riducono i riflessi e migliorano la chiarezza visiva, soprattutto quando ti trovi in prossimità dell’acqua o sulla neve.

Colore delle lenti degli occhiali da sole e specifiche esigenze visive

Oltre alla lavorazione del materiale che costituisce le lenti, anche il colore delle lenti per occhiali da sole può influenzare la percezione dei colori e il contrasto:
lenti gialle o dorate: sono indicate in condizioni di scarsa luminosità. Per esempio, quando sei sugli sci con il cielo coperto;
lenti blu o verdi: hai difficoltà a vedere da vicino? Le lenti di questi colori possono esserti d’aiuto e danno una visibilità simile al bianco e nero;
lenti rosa: sono lenti da sole rilassanti, adatte a essere graduate;
lenti grigie: anche le lenti grigie sono riposanti, perché tendono a mantenere inalterata la percezione dei colori;
lenti marroni: in genere, sono consigliate a chi è miope.
Le persone astigmatiche, inoltre, dovrebbero scegliere lenti di qualità che non distorcano la visione.

Consigli per la salute degli occhi

Una delle prime cose che puoi fare, per preservare la salute dei tuoi occhi, è condurre uno stile di vita sano, equilibrato e dinamico.
Perché la qualità della vista passa anche dalla tavola e – potrei stupirti – dalla ginnastica.

Alimentazione e stile di vita

Un regime alimentare in cui siano presenti in quantità bilanciate adeguate quantità di vitamine, minerali antiossidanti e acidi grassi polinsaturi (Omega 3) può contribuire a mantenere gli occhi sani.

Per esempio, alcuni tipi di frutta e verdura fresche (come agrumi, peperoni, albicocche e pesche) contengono vitamina C. Broccoli, cavoli, spinaci e frutta secca in guscio hanno funzione antiossidante e possono contribuire a contrastare l’invecchiamento fisiologico dell’organismo.
Il pesce azzurro che abbonda nelle acque del Mediterraneo, saporito ed economico, poi, è una buona fonte di Omega 3.

Esercizi visivi per gli occhi e pause regolari

Trascorri molto tempo davanti allo schermo di un computer o di un apparecchio digitale?
Allora, fai fare ginnastica ai tuoi occhi e prova ad applicare la regola 20-20-20, un trucco che può contribuire a ridurre l’affaticamento oculare.
In base a questo accorgimento, ogni 20 minuti di attività davanti a uno schermo, è bene guardare qualcosa posto ad almeno 20 piedi (circa 6 metri) di distanza, per almeno 20 secondi.

Altre fonti consultate

La salute della vista è un argomento importante e delicato. Perciò, le informazioni che ti fornisco in questo articolo del LOOX Mag sono supportate da fonti autorevoli.

Organizzazione Mondiale della Sanità, Radiation: Ultraviolet (UV) Radiation, contenuto consultato il 29 febbraio 2024.
Istituto Superiore di Sanità, EpiCentro – L’Epidemiologia per la salute pubblica, Raggi ultravioletti, contenuto consultato il 29 febbraio 2024.
Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Acquisti alla luce del sole, contenuto consultato il 29 febbraio 2024.

[Nella foto: Leonardo indossa occhiali da sole italiani LOOX M1 Cordusio con montatura in acetato di cellulosa di colore nero].